La teoria sistemico relazionale in psicologia

La teoria sistemico relazionale in psicologia. Prima di prendere in esame la la teoria sistemico relazionale in psicologia bisogna chiarire la nozione di teoria dei sistemi che naturalmente è un punto di riferimento per capire le dinamiche comunicative e di gruppo.

La teoria sistemico relazionale in psicologia - infografica

Che cos’è un sistema

Col termine sistema si intende una realtà complessa composta da più elementi che interagiscono tra di loro, in modo tale che ogni elemento condiziona l’altro ed è a sua volta condizionato da esso.
Se si vuole capire il funzionamento di uno solo di questi elementi, bisogna prendere in considerazione tutto il sistema in cui questo elemento è inserito. E’ solo all’interno di un sistema che il singolo elemento acquista significato.

Chi ha fondato la teoria sistemica?

Il fondatore di questa teoria è stato il biologo Ludwig Von Bertalanffy (1901-1972) il quale riteneva che diverse discipline potessero ricorrere a questa teoria per comprendere i fenomeni, dalla biologia alla fisica, alla psicologia, alla sociologia. Per esempio, in ambito psicologico, secondo la teoria sistemica, il disagio di una ragazza anoressica va analizzato prendendo in considerazione l’intero contesto in cui vive, a partire dalla famiglia.

La teoria sistemico-relazionale

In ambito psicologico tale approccio ha dato origine alla teoria sistemico-relazionale messa a punto dalla Scuola di Palo Alto in California formata dagli psicologi Gregory Bateson, Paul Watzlawick, Janet H. Beavin e Don D. Jackson.
Questi psicologi ritengono che per capire le dinamiche della mente bisogna analizzare i flussi comunicativi che intervengono tra i soggetti e le loro relazioni.

Un mondo di relazioni

La psicologia sistemico-relazionale considera l’individuo come un “sistema aperto” inserito in un mondo di relazioni, capace di scambiare informazioni con l’ambiente e di adattarsi ad esso in modo sempre più ottimale. Quindi l’oggetto di studio della psicologia sistemico-relazionale sono le relazioni e non gli individui in sé.
Poiché è il contesto a dare senso e significato ai comportamenti, anche le comunicazioni assumono significati diversi a seconda del sistema in cui esse sono inserite. Per esempio, una frase o un gesto identici possono essere interpretati in un modo completamente diverso all’interno di un gruppo di amici o tra persone che non si conoscono.

Mappa concettuale su la Scuola di Palo Alto e la psicologia sistemico-relazionale

La teoria sistemico relazionale in psicologia

Altri articoli